Il Portale

DSC03409La facciata della chiesa è impreziosita dal portale svevo, che originariamente si trovava nell’antica Cattedrale di Catania e che, a seguito del terremoto del 1693, fu spostato prima presso il Palazzo municipale e poi nel 1762 a Sant’Agata al Carcere.

Si tratta di una testimonianza unica e di altissima qualità artistica della scultura di età sveva, datato intorno al 1235. Realizzato in marmo bianco di Carrara, è composto da archi strombati a tutto sesto sorretti da esili colonnine; tutti gli elementi architettonici – colonnine, pilastri, archi, capitelli – sono decorati con raffinati motivi vegetali o geometrici con inserti di figure umane e bestiali.

L’elemento su cui però maggiormente si è concentrata l’attenzione degli studiosi sono le figure allegorico-grottesche che si possono ammirare sopra i capitelli, e che sono state variamente interpretate come rappresentazione simbolica dei controversi rapporti fra Federico II e Catania oppure facendo riferimento ai bestiari medievali e come figura dei vizi e delle virtù umane.

DSC_0090 DSC_0083

Annunci