I dati archeologici e storici

La chiesa

1 (5)_2Fin dall’affermarsi del culto agatino, la tradizione catanese riconosce in questi luoghi il carcere di Agata. La testimonianza più antica si riconosce in un piccolo oratorio dedicato a San Pietro risalente all’VIII secolo. Successivamente nel XVI secolo accanto all’antica cappella viene costruita una vera e propria chiesa, destinata ad accogliere i numerosi pellegrini accorsi a rendere omaggio alla gloriosa Santa, rivivendo il suo martirio nei luoghi che ne furono testimoni.

Dopo il terremoto del 1693 la chiesa fu ricostruita ed ampliata ad opera dell’arch. Francesco Battaglia, e pur impostandosi sui resti dell’edificio precedente viene ruotata con l’aggiunta della navata e l’ingresso rivolto ad est, ed arricchito da un’elegante facciata che ingloba al suo interno l’antico portale della Cattedrale.

Il “Carcere”

Le recenti esplorazioni archeologiche hanno mostrato sul sito della chiesa una stratigrafia molto complessa, che addirittura si fa risalire fino al VI secolo a.C. con alcune strutture identificate come parte dell’antica cinta muraria che proteggeva la città greca.

1 (7)

Le indagini più interessanti però si sono concentrate proprio sugli ambienti del cosiddetto “carcere”, tradizionalmente attribuiti alla custodia interior in cui fu rinchiusa Agata. Una prima sala voltata rettangolare, cui oggi si accede dalla piccola porta sul fianco nord della navata della chiesa, è stata datata con certezza all’epoca romana e sarebbe ascrivibile ad un “edificio su podio” (un tempietto o un heroon), costituendone la favissa o la camera sepolcrale. A partire dal VI-VII secolo, a seguito dell’inurbamento del culto agatino, il vano in questione venne identificato con il carcere romano e in esso, così come sui resti del presunto pretorio (sotto l’attuale chiesa di Sant’Agata la Vetere), fu ambientata la vicenda di Agata.

DSC_0101_2

Oltrepassata la sala voltata, si apre un secondo vano che si affaccia sulla piazzetta antistante la chiesa: si tratta chiaramente di un ambiente più tardo rispetto al precedente, in quanto ricavato all’interno delle mura spagnole di Carlo V che nel XVI sec. vennero erette in prossimità del santuario, inglobandone le strutture all’interno del cosiddetto “Bastione di Sant’Agata” e che sono tuttora chiaramente riconoscibili dall’esterno per il paramento murario caratterizzato dal tipico andamento “a scarpa”.

Annunci